giovedì 10 maggio 2018

Thomas Mayer: "la Bundesbank deve boicottare il sistema Target 2"

Thomas Mayer, ex capo-economista di Deutsche Bank, in un'intervista alle Deutsche Wirtschaftsnachrichten propone il congelamento del sistema Target 2 da parte della Bundesbank e l'introduzione di un nuovo sistema Target 3 in cui i trasferimenti fra le banche centrali nazionali sarebbero garantiti dall'oro. Dalle Deutsche Wirtschaftsnachrichten


In una lettera aperta al Presidente della Commissione Europea lo „European Constitutional Group“ ha messo in guardia da un ulteriore approfondimento dell'unione economica e monetaria. Uno dei firmatari dell'appello è l'ex capo-economista di Deutsche Bank, Thomas Mayer. In un'intervista alle Deutsche Wirtschaftsnachrichten chiarisce perché i piani della Commissione non solo danneggerebbero i contribuenti tedeschi, ma nel lungo periodo l'intera eurozona.

"Per la Commissione si tratta essenzialmente di regolarizzare la messa in comune delle garanzie fra gli stati dell'UE", cosi' secondo Thomas Mayer. Di fatto questa comunità fondata sulla messa in comune delle garanzie esiste già adesso, ed è il risultato della politica della BCE. La banca centrale ha infatti aiutato i paesi dell'eurozona in crisi, ricorrendo a vari meccanismi e programmi di acquisto, ma nel fare cio' ha assunto rischi enormi nel proprio bilancio. Ha agito in un'area legale alquanto grigia. La Commissione UE  ora vuole porre fine a questo stato di cose e sottrarre alla BCE il suo ruolo di salvatore dell'euro. Altrimenti in caso di un rallentamento dell'attività economica dovrebbe intervenire ancora una volta in maniera massiccia, distruggendo quindi la fiducia residua nella moneta unica.

Le proposte del presidente francese Macron, secondo Mayer, vanno nella stessa direzione di quelle della Commissione Europea. La lenta formazione del governo tedesco ne ha, almeno inizialmente, rallentato lo sviluppo. L'obiettivo sarebbe quello di utilizzare la situazione economica attuale piuttosto favorevole nell'UE per riuscire ad imporre i piani della Commissione. Idealmente cio' dovrebbe coincidere con la fine del mandato di Draghi. Thomas Mayer: "Christine Lagarde una volta ha detto: ripara il tuo tetto quando splende il sole - e non quando piove".

La fretta della Commissione europea è comprensibile, ma l'attuazione dei loro piani non promette nulla di buono. Perché essenzialmente si tratta di un trasferimento del rischio. L'azzardo morale porta a delle economie improduttive e quindi nel lungo termine non conduce ad una ripresa dell'eurozona. "Se andate all'osteria con un gruppo di persone di regola ordinate solo quello che vi potete permettere di pagare. Supponete di ordinare una zuppa di lenticchie, mentre gli altri si mangiano una bistecca di filetto. Fino a quando ognuno paga per sé, è tutto perfetto. Se invece alla fine il conto viene diviso fra tutti gli ospiti, chi ha ordinato una zuppa di lenticchie potrebbe essere infastidito dal fatto di non aver ordinato una bistecca. E quando chi ha mangiato una bistecca non ha i soldi per pagarla e il conto da saldare resta a quelli che hanno ordinato una zuppa, diventa tutto ancora piu' amaro".

Per questo sta crescendo l'opposizione nei confronti dei piani della Commissione Europea - anche all'interno dell'Eurogruppo - dove alcuni paesi del nord stanno aprendo la strada, come accade anche nella CDU. Anche Thomas Mayer si oppone ad una messa in comune delle responsabilità. I cittadini e i contribuenti tedeschi, attraverso i cosiddetti i saldi "Target 2", avrebbero già sovvenzionato l'euro con circa 950 miliardi di euro. Ci stiamo avvicinando alla svelta al trilione. Contemporaneamente il livello dei crediti Target corrisponde ad una reale perdita di prosperità del popolo tedesco di pari misura. Inoltre, in un eventuale collasso della zona euro, questa somma molto probabilmente sarebbe persa.

Thomas Mayer chiede che la Bundesbank congeli i saldi "Target 2" e li sostituisca con un nuovo sistema "Target 3". Nel sistema Target 3, per poter ricorrere ai prestiti, sarebbe necessario depositare delle garanzie - come l'oro ad esempio. Un accesso illimitato ai prestiti in questo modo non sarebbe piu' possibile. Thomas Mayer: "cio' neutralizzerebbe gli squilibri della bilancia dei pagamenti all'interno dell'eurozona. Inoltre, se non fosse piu' sovvenzionato attraverso il meccanismo Target 2, l'euro verrebbe messo sotto pressione".

La conseguenza: sotto l'ombrello della moneta unica emergerebbero vari "euro nazionali". Questo significa che un "euro tedesco" potrebbe potenzialmente avere un valore intrinseco superiore rispetto a quello italiano. Questo problema è noto da tempo e ci sono sempre state diverse considerazioni su come poter affiancare all'euro delle valute parallele nazionali. Cosi' in Italia ad esempio ci sono state alcune proposte per emettere dei titoli di debito, che nei confronti dell'euro si inflazionerebbero e che nei fatti equivarrebbero a una valuta parallela. Tuttavia un simile sviluppo allontanerebbe prima o poi l'euro dal suo ruolo di concorrente del dollaro. Sarebbe probabilmente il renmibi cinese in futuro ad assumere questo ruolo.

Non bisogna inoltre dimenticare che un euro piu' economico per la Germania porterebbe con sé dei problemi strutturali nell'economia tedesca. Rimuoverebbe infatti la pressione all'innovazione che invece si genera da una moneta forte. Come conseguenza l'economia tedesca rinuncia agli aumenti di produttività - e perde potenzialmente competitività. Cio' si noterebbe immediatamente in caso di rottura dell'euro.

Anche la grande dipendenza dell'economia tedesca dal settore automobilistico potrebbe dimostrarsi un'ipoteca sul futuro - soprattutto in considerazione delle discussioni sugli sviluppi del motore a combustione. Per quanto riguarda le tecnologie del futuro, la Germania resta relativamente debole. L'euro in questo ambito ha agito come un " dolce veleno" rallentando la modernizzazione dell'economia tedesca.

Thomas Mayer: "nel lungo periodo l'unione di trasferimento non porterà benefici neanche ai paesi riceventi perché eliminerà ogni incentivo a rendere la propria economia piu' competitiva. Siamo di fronte ad un dilemma: la BCE non puo' continuare come ha fatto fino ad ora - pena il crollo della fiducia nell'euro. La roadmap della Commissione UE per un approfondimento dell'unione economica e monetaria equivarrebbe ad un trasferimento dei rischi e finirebbe per indebolire l'intera eurozona. Per questo la crisi dell'euro - che è anche una crisi di bilancia commerciale - dovrebbe essere risolta ponendo fine al sistema di trasferimento Target 2. Per gli scambi con i nostri partner non europei dovremmo riflettere su come modificare le aliquote IVA allo scopo di riequilibrare la bilancia commerciale tedesca".

Nessun commento:

Posta un commento